Forest Bathing: perchè fa bene

ONEBra approfondisce Giugno 2024
Forest Bathing: perchè fa bene

Cos’è il Forest Bathing e quali sono i benefici?

Il Forest Bathing va oltre una semplice passeggiata nel bosco. Il Forest Bathing è un’esperienza psicofisica completa che coinvolge tutti i sensi, portando numerosi benefici alla salute. Questa pratica ci invita a vivere la foresta in modo pieno, riconnettendoci con noi stessi e con la natura. 

Il Forest Bathing include aspetti di biofilia, prevenzione, movimento e benessere psicofisico. È considerato uno stile di vita naturale che valorizza la nostra relazione con l’ambiente e promuove un profondo senso di benessere.

La pratica del Forest Bathing

La pratica del Forest Bathing offre una vasta gamma di benefici, supportati da letteratura scientifica, tra cui:

– Riduzione dello stress: il contatto con la natura aiuta a diminuire i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress.

– Regolazione della pressione sanguigna: la calma e la serenità della foresta contribuiscono a mantenere la pressione sanguigna sotto controllo.

– Potenziamento del sistema immunitario: le piante emettono composti organici volatili (B-VOC) che stimolano il nostro sistema immunitario.

– Aumento dei linfociti NK: queste cellule aiutano a combattere virus e cellule tumorali.

– Miglioramento del benessere emotivo: aumento dei livelli di serotonina che promuove il buon umore e la tranquillità.

– Riduzione dello stress ossidativo: la presenza di monoterpeni nella foresta contribuisce a ridurre il danno ossidativo alle cellule.

– Benefici cognitivi: miglioramento della capacità di attenzione e riduzione dell’affaticamento mentale causato dall’uso eccessivo di dispositivi tecnologici.

 Per visionare la letteratura scientifica, visita questa pagina: articoli qui

 

Il Forest Bathing è un’attività che coinvolge tutti i sensi:

– Vista: il verde della foresta ha un effetto rilassante sul sistema nervoso parasimpatico.

– Tatto: toccare la corteccia degli alberi e la vegetazione migliora la percezione sensoriale e spaziale.

– Udito: i suoni naturali degli animali e del vento tra gli alberi purificano e riequilibrano la mente.

– Gusto: il consumo di frutti e piante curative della foresta apporta benefici nutrizionali.

– Olfatto: gli aromi delle piante, in particolare quelli delle conifere, hanno effetti benefici sull’umore e sulla salute.

 

Forest Bathing: un’immersione nella natura per il benessere globale

Forest Bathing, o “Bagno di Foresta”, è un’attività multidisciplinare e multisensoriale che promuove la connessione profonda con la natura.

Nato in Giappone, il concetto di Forest Bathing è stato poi diffuso a livello internazionale dal Dott. Qing Li, immunologo e Presidente della Società Giapponese di Medicina Forestale, che ha introdotto il termine Forest Therapy come una “terapia naturale senza medicine”.

Conosciuto anche come Shinrin-Yoku, termine coniato in Giappone nel 1982 da M. Tomohide Akiyama, il Forest Bathing è stato sviluppato per incoraggiare stili di vita sani e per proteggere gli ambienti naturali. 

Attualmente, milioni di persone in Giappone praticano regolarmente il Forest Bathing in aree specificamente designate. Il riconoscimento di questa pratica è arrivato anche dalle Nazioni Unite, che l’hanno inserita nella Strategia Forestale Nazionale 2020.

Differenze tra Forest Bathing e Forest Therapy

Forest Bathing e Forest Therapy sono pratiche che coinvolgono l’interazione con la natura per migliorare la salute e il benessere, ma presentano differenze fondamentali. Forest Bathing è un’attività informale in cui ci si immerge nella foresta per sperimentare la natura attraverso i cinque sensi, riducendo lo stress e migliorando il benessere generale. È un’attività accessibile e può essere svolta autonomamente senza guida.

 

Forest Therapy, invece, è una pratica più strutturata e terapeutica, spesso guidata da professionisti. Include sessioni guidate con protocolli specifici, utilizzate come intervento terapeutico per trattare problemi di salute mentale e fisica come ansia, depressione e stress cronico. Le sessioni di Forest Therapy sono personalizzate e mirano a creare un ambiente sicuro e accogliente, promuovendo una connessione profonda con la natura e offrendo supporto professionale.

 

Praticare il Forest Bathing

Per trarre il massimo beneficio dal Forest Bathing, è fondamentale:

– Integrare cultura orientale e occidentale.

– Vivere l’esperienza forestale con tutti i sensi.

– Praticare tecniche di rilassamento come meditazione, mindfulness e yoga.

– Camminare consapevolmente e respirare correttamente.

– Coltivare consapevolezza, conoscenza e un senso etico ed estetico.

– Scegliere aree forestali specifiche per le loro caratteristiche benefiche.

 

Il Forest Bathing non è solo un’attività di prevenzione, ma anche un’opportunità per sviluppare relazioni sociali nel rispetto e nell’amore per le foreste. È una pratica motoria e di consapevolezza che promuove il benessere naturale e duraturo.

 

Conclusione

Il Forest Bathing rappresenta un ritorno alle radici, un modo per riscoprire l’equilibrio e la serenità che solo la natura può offrire. Questa pratica ci invita a rallentare, a meditare e a lasciar andare, liberando la creatività e rigenerando corpo e mente. La foresta diventa così un luogo di guarigione e di rinnovata connessione con la nostra essenza più profonda.

 

CONTATTI:

sito: benessereforestale.it

Il team ha conosciuto Massimiliano Corrà, istruttore e formatore di Forest Bathing del Settore Nazionale Forest Bathing CSEN, Coach, Costellatore Familiare e facilitatore di percorsi di crescita personale in Natura, che ringraziamo per averci fatto conoscere questa pratica e per gli spunti di approfondimento.

Contatti di Massimiliano:

mail: massimiliano.corra@gmail.com; natexperience.it@gmail.com

instagram: natexperience.it

cellulare: +39 347 9889769

Altri articoli

Tumore al seno sintomi
Prevenzione

Tumore al seno sintomi

L’importanza di una corretta autopalpazione periodica è il primo passo per conoscere il proprio corpo e intervenire subito in caso di necessità. Sapresti riconoscere i sintomi del tumore al seno? In questo articolo vogliamo dare delle ulteriori informazioni per prendersi cura della propria salute in modo consapevole.

La ricostruzione della mammella dopo la mastectomia
Rubrica dell'esperto

La ricostruzione della mammella dopo la mastectomia

Nella rubrica dell’esperto di giugno, ONEBra vi presenta il Dr. Andrea Piedimonte, specializzato in chirurgia plastica, si occupa principalmente di ricostruzione mammaria e oggi ci racconta come funziona e quali sono le tecniche più utilizzate.

Sopravvivenza dal tumore al seno. Conosciamo Laura e la sua storia
Da donna a donna

Sopravvivenza dal tumore al seno. Conosciamo Laura e la sua storia

La testimonianza a cui abbiamo deciso di dare voce per la rubrica “Da donna a donna” di questo mese di maggio è quella di Laura Bertazzolo, presidentessa dell’associazione “Riprogettare la vita” e donna forte sopravvissuta al tumore al seno.

Alimentazione e cancro al seno: cosa c’è da sapere
Rubrica dell'esperto

Alimentazione e cancro al seno: cosa c’è da sapere

Per la “Rubrica dell’esperto” di maggio, ONEBra vi presenta Camilla Diotallevi, biologa nutrizionista che ci racconta la relazione tra alimentazione e cancro al seno.

L’importanza del benessere della persona durante la terapia e la guarigione dal tumore al seno
ONEBra approfondisce

L’importanza del benessere della persona durante la terapia e la guarigione dal tumore al seno

Per la rubrica di approfondimento del mese di aprile, ONEBra vi parla di quanto è importante donare momenti di puro benessere alle donne in terapia e di come si sta cercando di valorizzare il periodo di guarigione dal tumore attraverso informazione ed eventi per rendere più consapevoli sui vari benefici.